logo Roma Tre
versione stampabile invia questa pagina  per email

Architettura - restauro (dm 270)

Laurea Magistrale 2017-2018

Obiettivi formativi specifici

Nell'ambito di una piena, articolata e consapevole formazione dell'architetto europeo, obiettivo comune di tutti i corsi di laurea magistrali della facoltà, il Corso di Laurea magistrale in Architettura - Restauro si occupa in particolare dell'intervento progettuale sul patrimonio edilizio e monumentale, sviluppando una tematica cruciale e particolarmente qualificante della professione (il restauro dei monumenti è infatti l'unica attività nel campo della progettazione esclusivamente riservata agli architetti).
Il corso di laurea amplia e approfondisce gli elementi disciplinari specifici già presenti nel corso di Laurea in Scienze dell'Architettura, consentendo l'apprendimento dei modi e delle tecniche di formazione dell'edilizia urbana di ogni genere e grado, e fornisce nello stesso tempo possibilità di sperimentazione applicativa e di sintesi progettuale sul tema del recupero della qualità del patrimonio architettonico, con riferimento sia agli aspetti edilizi e monumentali sia a quelli dell'ambiente urbano dei centri storici.
L'obiettivo è quello di formare architetti dotati di un elevato grado di cultura tecnica e storico-critica, nonché della consapevolezza necessaria alla pratica del progetto di architettura applicato a contesti materiali di interesse storico, artistico e antropologico.
Il percorso formativo delle lauree magistrali della facoltà è articolato in semestri tematici, caratterizzati da laboratori applicativi spiccatamente interdisciplinari.
In particolare, il Corso di Laurea magistrale in Architettura - Restauro prevede una sequenza che porta dagli aspetti conoscitivi della morfologia urbana storica affrontati nel primo semestre, a quelli del restauro urbano e architettonico nel secondo e terzo semestre, a quelli del restauro monumentale nel quarto.

Nota
La relativamente ampia oscillazione di alcuni intervalli di crediti del presente corso di laurea magistrale si deve al fatto che la facoltà si riserva la possibilità di introdurre nel tempo leggere variazioni o aggiustamenti tematici nel curriculum degli studi, ovvero di introdurre, anno per anno, curricula di studi paralleli, distinti da limitate differenze di orientamento.


La Facoltà ha inoltre istituito uno specifico comitato di indirizzo, composto da esimi rappresentanti di importanti istituzioni attinenti in vario modo il mondo dell'architettura e da architetti di chiara fama nazionale ed internazionale; il mandato di tale comitato, che si riunisce con cadenza annuale, è quello di verificare e migliorare la rispondenza delle attività formative proposte dalla facoltà alle necessità ed ai bisogni della società europea.
Il comitato è composto da: Wiel Arets (architetto, Mario Botta (architetto), Paolo Buzzetti (presidente dell'Associazione Nazionale Costruttori Edili, Ance), Nicola Di Battista (architetto), Gaetano Fontana (capo dipartimento per il Coordinamento dello Sviluppo del Territorio, DiCoTer - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti), Massimilano Fuksas (architetto), Thomas Herzog (architetto), Roberto Morassut (assessore all'Urbanistica del Comune di Roma), Gianfranco Pizzolato (vicepresidente del Consiglio Nazionale degli Architetti), Francesco Prosperetti (direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio), Giuseppe Roma (direttore generale della Fondazione Censis), Eduardo Souto de Moura (architetto), Eugenio Scalfari .

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

I laureati magistrali potranno svolgere tutte le attività relative alla libera professione di architetto europeo; inoltre potranno svolgere funzioni di elevata responsabilità in istituzioni ed enti pubblici e privati (tra gli altri, in enti istituzionali preposti alla tutela ed in enti e aziende pubbliche e private, studi professionali e società di progettazione), operanti nei campi del restauro e del recupero edilizio, urbano ed ambientale, nonché della costruzione e della trasformazione delle città e del territorio.

Il corso prepara alle professioni di