logo Roma Tre
versione stampabile invia questa pagina  per email

Sofia Corradi, 'Mamma Erasmus', premiata in Spagna

Seguici su Facebook e Twitter

UNIVERSITA’. SOFIA CORRADI, “MAMMA ERASMUS”, PREMIATA IN SPAGNA DAL RE E DAL PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN OCCASIONE DELLA FESTA DELL’EUROPA

Il rettore di Roma Tre, Panizza: «Un importante riconoscimento che riempie d’orgoglio il nostro ateneo, dove la professoressa Corradi ha insegnato fino al 2005»

Roma, 9 maggio 2016. E’ un’ex docente dell’Università degli Studi Roma Tre l’ideatrice del Progetto Erasmus cui è stato consegnato il premio Carlo V dal re di Spagna Filippo IV e dal presidente del parlamento europeo Martin Schultz in occasione della Festa dell’Europa.

Fino all’ottobre del 2005 professoressa di Educazione degli adulti (Lifelong Learning) a Roma Tre, Sofia Corradi è la persona a cui quattro milioni di studenti devono dire grazie: è lei che, per prima, nel 1969 ha concepito il programma di mobilità europea interuniversitaria. L'idea di consentire ai giovani di studiare all'estero le venne in mente da studentessa, nel 1958, quando non le furono riconosciuti gli esami sostenuti in un'università americana. Da quel giorno decise di lottare affinché altri studenti non subissero lo stesso trattamento e nacque così l'idea del Progetto Erasmus.

«Questo riconoscimento, meritatissimo, conferito alla professoressa Corradi riempie d’orgoglio tutto il nostro ateneo, dove “Mamma Erasmus”, come viene chiamata, ha insegnato prima di andare in pensione», commenta Mario Panizza, rettore di Roma Tre. «Se Roma Tre ha una forte vocazione all’internazionalizzazione e alla mobilità è anche grazie a lei, che ha lottato a lungo fino alla realizzazione di quella che, all’inizio, poteva sembrare un’utopia. Dall’ateneo che ha lasciato andando in pensione giunga alla professoressa un corale ringraziamento».